La Fava (vicia faba maior) è uno dei prodotti più importanti del comune di Carpino. Presidio slow food è un alimento base per la dieta meditarranea. Nel territorio di Carpino trova le condizioni ideali (terreno argilloso e calcareo e microclima) che ne conferiscono una inconfondibile bontà. Si produce in rotazione con il grano duro, le barbabietole da zucchero, i pomodori e i lupini. La semina avviene nei mesi di ottobre e novembre e non necessita di concimazioni, in quanto la fava arricchisce il terreno di azoto. Quando le piante sono ingiallite, nel mese di giugno, si falciano a mano e si legano in covoni detti "manocchi" che si lasciano seccare sul campo. Nel mese di luglio quando i manocchi sono ben secchi, dopo aver eliminato la paglia si passa alla fase della pesa. Con tradizionali forche di legno, si separano le fave dalla paglia. Per eliminare le particelle più piccole si sollevano con pale di legno e si gettano in aria.

 

Il modo migliore per mangiarla? Avendo una buccia sottile e friabile e un aroma intenso, è consigliabile renderla purea e accompagnarla con una cicoria saltata in padella con aglio e peperoncino.

Fava di Carpino

 
  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black

© 2017 by INN Itinere

INN Itinere

Italy

innitinere@gmail.com

  • facebook
  • Twitter